Blog Pensieri

17° Malattia della fede: peccati non confessati

18 de Gennaio 2024

17° Malattia della fede: peccati non confessati

Voglio parlare di una malattia della fede di cui molti non sono consapevoli, e si tratta dei PECCATI NON CONFESSATI.

Questa malattia portò alla morte molti, comprese persone che un tempo servivano Dio come evangelisti, pastori, mogli di pastori, collaboratori e membri del Corpo di Cristo.

Peggio che peccare è non confessare. E perché qualcuno non confessa il proprio peccato? Ci sono diversi motivi che non giustificano la mancanza di confessione, poiché non confessare il peccato significa perdere l’opportunità di essere perdonati, restaurati e utilizzati ancora di più da Dio.

Ecco alcuni di questi motivi:

– Per vergogna
“Cosa penseranno o diranno se confesso il mio peccato?”
Quando diciamo “confessare il peccato”, esso deve essere confessato a Dio e a chi è dovuto. Se il peccato coinvolge una seconda o terza persona, come il coniuge, un genitore, un figlio, oppure se sei un volontario, un collaboratore, un pastore o una moglie, membro del Corpo di Cristo, oltre a confessarlo a Dio , bisogna confessarlo anche alle autorità affinché si prendano provvedimenti, anche se è Dio che perdona.

– Per orgoglio.

– Per aver pensato che potresti commetterli di nuovo. Non si confessa perché si sente ancora attratto dal peccato.

– Per non aver riconosciuto la gravità. Tutto il peccato ha lo stesso risultato: la morte. “Il salario del peccato è la morte.” E quale morte? La peggiore morte spirituale.

Quando una persona pecca, la fede diminuisce e il dubbio aumenta. Quando si confessa il peccato accade il contrario: il dubbio diminuisce e la fede aumenta. Pertanto, vedi molte persone che conoscono la Parola, anche predicatori, con grandi dubbi e bassa fede, spiritualmente morti.

– Perché non voglio perdere il mio status nella Chiesa e nell’Opera.
“Non sarò più un collaboratore”, “Non sarò più aiutante”, “mi toglieranno dal Lavoro”. Verranno presi provvedimenti perché Dio perdona, ma non considera innocente il peccatore. Questo perché la persona possa maturare e rafforzarsi, ma ciò non giustifica l’allontanamento dalla Presenza di Dio e dalla Chiesa a causa del peccato commesso.

Peggio del peccato stesso è non confessarlo a Dio e a chi è dovuto. In quest’ultimo Fuoco Santo abbiamo visto il caso vero di una signora che ha commesso dei crimini, ha confessato ed è andata alla polizia per pagarli, essendo già con Gesù, libera e perdonata. Ma lei voleva di più: voleva la pace e il sigillo dello Spirito Santo.

Ciò dimostra che, se ti tiri indietro per paura o vergogna, è perché covi ancora la possibilità di commettere nuovamente il peccato o di non superarlo mai.

Quando il peccato non viene confessato, la probabilità di commetterlo nuovamente è dell’80%. E il diavolo lo sa. Sa che la nostra natura umana ha la tendenza a ripetere lo stesso errore. E non vuole che impariamo il dolore di umiliarci, di fare coming out, di confessarci, che farà male solo per un po’. Ti metterai in imbarazzo per un po’, ma lo supererai.

L’importante è la salvezza della tua anima, la coscienza pulita e che Satana non possa puntare un dito sporco per accusarti, compiendo la sua opera di accusa.

Le Sacre Scritture dicono:

In alcuni uomini i peccati sono manifesti — l’adulterio, la dipendenza, la promiscuità — e li precedono al giudizio, mentre in altri li seguono. 1Timoteo 5:24

Alcuni peccati sono già dichiarati, evidenti, visibili a tutti, ma altri li seguono, cioè non sono evidenti agli occhi di tutti, nessuno li conosce, ma li seguono, e si praticano quando sono soli in casa, a lavoro o tra sconosciuti. Ma Dio è presente e vede. Questa è una mancanza di timore, quando qualcuno pecca è perché non teme Dio.

Quando qualcuno teme Dio, Gli chiede di essere libero, prega il Padre Nostro prima di cadere nel peccato, si inginocchia e chiede perdono e liberazione. Anche se il cuore chiede di peccare, se qualcuno si inginocchia e chiede a Dio di essere libero, Lui lo libera dal peccato.

Hai notato che nella Preghiera del Signore Gesù ci insegna a chiedere al Padre di liberarci dalla tentazione? Ma in un’altra occasione Gesù insegna ai suoi discepoli a non entrare in tentazione. Qual è la differenza?

Tutti pecchiamo, tutti possiamo cadere in tentazione, consciamente o inconsciamente, ma entrare nella tentazione è sapere cosa non fare e farlo. Questo non è cadere, questo è entrare in tentazione. Contraddisci la Volontà di Dio per fare la tua volontà o quella di qualcuno che ti molesta sessualmente, economicamente, socialmente, spiritualmente, religiosamente.

In alcuni uomini i peccati sono manifesti e li precedono al giudizio, mentre in altri li seguono. Così pure le buone opere di alcuni sono manifeste; ed anche quando non lo sono, non possono rimanere nascoste. 1Timoteo 5:24-25

Come quelli cattivi, anche quelli buoni sono evidenti, perché Dio, Satana e i loro demoni sanno già tutto.

Quali sono i pericoli che corre una persona che pecca e non confessa i suoi peccati?

Raffreddamento spirituale. È un processo, non avviene da un giorno all’altro.

Malattie che non possono essere curate. I problemi di salute cominciano a sorgere perché è già stato colpito lo spirituale, poi l’emotivo e, infine, il fisico.

Morte prematura. La Bibbia parla di persone che hanno peccato, non si sono confessate e sono morte prematuramente.

Rimozione dall’Altare. Ogni persona che ha un peccato nascosto si allontana dall’Altare, dalla vita con Dio, dal sacrificio.

Esclusione dal Corpo di Cristo, che è la Chiesa. La persona finisce per uscire dalla Chiesa, essendo esclusa non da Satana, ma da Dio, quando vede che non lo teme e non apprezza il suo perdono, la sua salvezza.

E la preghiera della fede salverà il malato e il Signore lo risanerà; e se ha commesso dei peccati, gli saranno perdonati. Confessate i vostri falli gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri… Giacomo 5:15-16

Confessare non solo a Dio, ma anche uno agli altri.

“…e pregate gli uni per gli altri…” Giacomo 5:16

Non è condannare, giudicare, umiliare, ignorare, ma pregare gli uni per gli altri. Devo pregare per te che Dio ti perdoni e ti guarisca, e per me che Dio mi custodisca e mi liberi, perché posso cadere quanto te, perché, come è scritto nella Parola di Dio, hai solo bisogno essere in piedi per cadere. Siamo tutti inclini agli errori e possiamo peccare, quindi dobbiamo pregare gli uni per gli altri…

“…e pregate gli uni per gli altri, affinché siate guariti; molto può la preghiera del giusto, fatta con efficacia.” Giacomo 5:16

Ci vediamo nella IURD o tra le nuvole!
Vescovo Julio Freitas

previous post

18 gennaio

next post

19 gennaio